Informazioni generaliAccomodazioneRistorante "Vivaldi"Aperitive bar "Royal Club"Paseggiata virtuale
pocetna stranica





ContattiPrenotazioneLa citta' di Zara
vrh stranice

Copyright (c) 2000-2003. Hotel President.
design by iDEA studio


LA STORIA DELLA CITTA'

Quello che particolarmente caraterizza Zara e la sua esistenza urbana continua da due mila anni facendola una delle piu' vecchie citta' croate e sulla costa adriatica. Attraverso la sua lunga, tempestosa e dinamica storia si riflette l'esistenza e la durata umana su questa costa dell'adriatico orientale.. La storia di Zara, le prime scoperte culturali datano ancora dall'eta' della pietra e le prime colonie dal periodo neolitico. Prima della comparsa delle tribu' degli Illiri questa regione fu colonizzata da un antico popolo mediterraneo dalla cui lingua deriva il nome della colonia: Jader, Jadera o Jadra. Le prime scritte annotazioni datano dal quarto secolo prima della nostra era e si trovano nelle descrizioni della costa adriatica orientale scritte dal geografo greco Skarianderis. Questi scrisse della colonia di Jader e della popolazione che si chiamo' Jadesini.

Verso la meta' del secondo secolo prima della nostra era la regione di Zara fu lentamente conquistata dai romani. In quel tempo Zara fu organizzata secondo le regole urbane romane. La rete delle comunicazioni urbane fu composta da cinque vie orizzontali e numerose vie verticali che tagliavano queste prime. Ad ovest, lungo il margine della rete di vie fu costruita la piazza principale - il foro romano ed il capitolo con un tempio.

Nel periodo fra il quarto ed il sesto secolo a Zara si sviluppa una nuova religione - la Cristianita'. In questo periodo la citta' fu colpita da un forte terremoto e cosi' furono distrutte numerose strutture architettoniche. Frammenti di quest' architettura furono usati per erigere la costruzione monumentale sul foro romano, la chiesa della Santa Trinita' che dal Quattrocento si chiama San Donato. Oggi la chiesa non e' un monumento sacrale pero' domina il foro ed e' anche il simbolo di Zara. San Donato possiede un'ottima acustica per la quale gia' da quarant'anni in questa vecchia chiesa si organizzano le "Serate musicali in San Donato". Questo festival musicale tratta musica medievale e rinascimentale.

L'epoca dall'undicesimo al quattordicesimo secolo fu l'epoca d'oro di Zara. La citta medievale di Zara fu una citta' di splendida architettura. I monumenti piu' importanti furono:

  • Il monastero di San Grisogono, oggi conosciuto come la chiesa di San Grisogono dove si trova un altare costruito nel 1701 come ex voto dei cittadini di Zara contro la peste. Ci sono anche quattro statue di marmo che rappresentano I patroni della citta' di Zara: Santa Anastasia, San Zoilo, San Grisogono e San Simone.
  • Il convento di Santa Maria fu fondato nel 1066 dalla nobile Èika, la quale, secondo alcune fonti fu la sorellastra del re Petar Krešimir il Quarto. A lato del convento fu costruito un edificio nel quale si trova la collezione "L'oro ed l'argento di Zara" o "L'arte sacrale di Zara", una collezione di reliquiari fatti in argento e dorati , fatti a commissione nelle orificerie che esistevano a Zara in quel periodo. La collezione e' la piu' bella della Croazia ed una delle piu' bricche dell'Europa.
  • La cattedrale romanica di Santa Anastasia e costruita nel tredicesimo secolo. Nel santuario della chiesa dominano stalli corali fatti in legno nello stile gotico del quindicesimo secolo. Il sarcofago di marmo di Santa Anastasia fatto nel nono secolo si trova nella cattedrale. Nella cripta si trovano sarcofagi con reliquiari di Santa Agapta, Santa Hlonia e Santa Irena.

Nonostante le distruzione ed I saccheggi si e' riusciti a conservare una grande parte del tesoro culturale di quel periodo. Bisogna particolarmente sottolineare il sarcofago di San Simone del quattordicesimo secolo fatto di argento su commissione della regina ungarocroata Elisabetta. In quel periodo, nel 1396, Zara ebbe un'universita'. Durante l'invasione dei turchi attorno alla regione di Zara I piu' abili costruttori veneziani Baglione, Sanmicheli ed il comandante Pallavicino costruirono un sistema di fortificazioni con bastioni pentagonali, canali difensivi riempiti di mare e nuove e grandi cisterne municipali che fecero di Zara la piu' grande e la piu' forte citta' fortificazione nella Repubblica di Venezia. Entro queste mura fu scritto il primo romanzo croato dal nobile di Nona di nome Petar Zoraniæ.

La fortificazione fu circondata dalle sue mura fino al 1868 quando, con il decreto delle autorita' austriache, Zara smise di essere un citta' fortificata. Furono distrutte le fortificazioni al lato settentrionale e sudovest e fu costruito un viale passeggio da una parte ed un porto dall'altra.

Durante la Seconda guerra mondiale Zara subi' tremende distruzioni e cosi' piu' di 65% del nucleo urbano fu distrutto e incendiato. Nonostante le numerose sfortune Zara si sviluppo in modo molto rapido durante gli anni cinquanta grazie alla vitalita' dei suoi abitanti. Oggi la crescita di Zara e' piu' accelerata con la soluzione di collegamenti con l'entroterra tramite la strada che attraversa la Lika e Zagabria, l'aeroporto con voli quotidiani per Zagabria e la ferrovia che porta a Zagabria. Via mare Zara e' collegata con gli altri porti dell'Adriatico e con l'Italia. Qualsiasi mezzo di trasporto scegliate per arrivare a Zara la citta' Vi aspetta da caro ospite, amico o conoscente. E' un grande piacere per l'hotel President accoglerVi per un soggiorno in questa bellissima citta' mediterranea.

Piu' informazioni su Zara: